Rinnovo porto d’armi uso caccia, come richiederlo?

rinnovo-porto-d-armi-uso-caccia-black-elk

Il rinnovo di porto d’armi uso caccia avviene dopo 6 anni, è valida su tutto il territorio nazionale ed è rilasciata dal commissariato di competenza.

Il rinnovo di porto d’armi uso caccia avviene a seguito del pagamento della tassa di concessione governativa + l’addizionale di € 173,16 e la compilazione del modulo di richiesta. Il modulo è disponibile presso la questura, il commissariato di pubblica sicurezza e la stazione dei carabinieri.
Inoltre, bisogna allegare:

  • Due contrassegni telematici da euro 16,00 da applicare uno sulla richiesta e l’altro sulla licenza
  • La certificazione d’idoneità psicofisica
  • La certificazione dell’abilitazione all’attività venatoria
  • La ricevuta di pagamento della tassa di concessioni governative di € 168,00 più un’addizionale di € 5,16
  • La ricevuta di versamento di €1,27 (1,50€ per la versione bilingue) per il costo del libretto valido 5 anni.
  • Due foto formato tessera, a capo scoperto e a mezzo busto
  • Certificato di idoneità al maneggio delle armi rilasciato da una Sezione di Tiro a Segno Nazionale
  • Una dichiarazione sostitutiva in cui l’interessato attesti di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dalla legge, le generalità delle persone conviventi e di non essere stato riconosciuto “obiettore di coscienza”, oppure di aver presentato istanza di revoca dello status di obiettore presso l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile

Il tesserino venatorio

Molto importante è anche il tesserino venatorio, che consente l’esercizio di caccia nelle A.T.C. (Ambiti Territoriali di Caccia).
Valido su tutto il territorio nazionale, è rilasciato dal comune di residenza.
Per richiederlo occorre:

  • Licenza di caccia
  • Versamento della tassa di concessione governativa (valida 1 anno)
  • Versamento della tassa di concessione regionale (valida 1 anno)
  • Pagamento della tassa dell’A.T.C. (valida 1 anno)
  • Copia della denuncia di detenzione di armi e munizioni

Il tesserino venatorio bisogna portarlo sempre con sé nelle uscite di caccia (3 su 5 giorni tra lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica).
Il tesserino permette di controllare le specie e le quantità prelevate. Inoltre bisogna segnare il giorno e l’A.T.C. in cui si è a caccia. A fine stagione venatoria il tesserino va riconsegnato entro i termini stabili dal comune di residenza, in modo da controllare se sia stata fatta qualche irregolarità.

 


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.