Come ottenere la licenza di caccia

come-ottenere-la-licenza-di-caccia

Ogni anno sempre più giovani si affacciano al mondo venatorio, e il primo passo da fare per poter finalmente imbracciare il fucile è ottenere la licenza di caccia o porto d’armi uso caccia.

Per richiedere il porto d’armi ad uso caccia è necessario prima conseguire l’abilitazione all’esercizio venatorio, che si ottiene attraverso un esame pubblico con commissione nominata dalla regione di competenza.

I requisiti per poter accedere all’esame e ottenere la licenza di caccia sono:

  • Aver compiuto 18 anni di età;
  • Documento anamnestico, rilasciato dal proprio medico di base dopo opportuna visita;
  • Certificato ASL o medico militare, consegnato dopo visita psicofisica minima;
  • Attestazione del maneggio delle armi, effettuato al T.S.N. (tiro a segno nazionale) dopo aver svolto la lezione sul maneggio delle armi e la prova di sparo;
  • Marca da bollo da 16,00 €.

Per sostenere l’esame bisogna inviare presso la Regione la domanda con marca da bollo e copia del certificato medico di idoneità psicofisica con data non anteriore ai 6 mesi.

In cosa consiste l’esame?

  • pantalone in kevlar
    Prodotto in vendita
    70,0075,00
  • Gilet da caccia reversibile alta visibilità
    Prodotto in vendita
    40,00
  • pantalone impermeabile cotone
    60,0065,00
  • giacca da caccia kevlar impermeabile
    Prodotto in vendita
    79,00
  • pantalone elasticizzato impermeabile da caccia
    Prodotto in vendita
    89,00

La prima parte dell’esame consiste in una prova a quiz a risposta multipla. Le domande sono 20 con massimo 3 errori, sono necessarie quindi 17 risposte esatte. Per prepararsi all’esame le Regioni rendono pubblici i quiz qualche giorno prima, ed è possibile consultarli direttamente da Internet. Chi passa i quiz dovrà sostenere un esame orale che tratterà in parte argomenti affrontati nel quiz e in parte prove pratiche.


Gli esami spazieranno tra diversi argomenti:

  • Legislazione venatoria;
  • Zoologia della caccia con prove di riconoscimento delle specie cacciabili;
  • Norme su armi e munizioni;
  • Direttive in materia ambientale;
  • Norme di primo soccorso.

La legislazione venatoria riguarda le norme che definiscono il corretto comportamento del cacciatore. Ad esempio le distanze da rispettare (strade, case, ferrovie ecc..), i mezzi consentiti per l’attività venatoria, quanto dura la licenza di caccia, gli appostamenti (fissi, precari e temporanei), l’utilizzo dei richiami vivi, le zone vietate alla caccia (parchi, zone di ripopolamento e cattura, oasi protette ecc..).

La zoologia della caccia riguarda tutte le specie cacciabili. Ad esempio le principali caratteristiche fisiche, se sono stanziai o migratori, l’ordine di appartenenza, i periodi in cui si possono cacciare. Inoltre bisogna saper conoscere anche la fauna protetta e particolarmente protetta.

Le norme sulle armi e munizioni riguardano la balistica (interna, esterna e terminale).
Ad esempio la differenza tra tiro utile e gittata, descrizione interna della canna, differenza tra anima liscia o rigata. Oppure ancora, composizione di una cartuccia e la funzione dei suoi singoli componenti, quali calibri sono indicati per l’abbattimento della selvaggina, il numero di munizioni che si possono detenere ecc..
Inoltre bisogna effettuare una prova pratica in cui l’esaminato deve dimostrare di saper maneggiare l’arma in totale sicurezza.

Le direttive in materia ambientale concernono i fattori abiotici e biotici che lo compongono. Ad esempio tempi di semina o raccolto, cos’è un ecosistema, com’è strutturata e composta una catena o rete alimentare, come si suddividono le colture ecc..

Nelle norme di primo soccorso il candidato deve conoscere i principali comportamenti da adottare nel caso di incidente. Ad esempio il numero utile da chiamare (118), cos’è un colpo di calore e come evitarlo, come agire in caso di ustioni, congestioni, colpi di sole, assideramento, distorsioni, contusioni, emorragie, fratture, morso di vipera ecc..

Come rinnovo il porto d’armi uso caccia?

Alla scadenza del 5° anno, deve essere inoltrata la domanda di rinnovo.

I tempi per il rilascio della licenza di porto d’armi ad uso caccia sono più o meno brevi. In tutti i casi entro i 90 giorni deve essere fornita una risposta, quindi approvazione e firma o disapprovazione.

Per poter andare a caccia, è obbligatorio portare con sé alcuni documenti e titoli di pagamento. Questi devono essere esibiti in caso di richiesta da parte di agenti di pubblica sicurezza.