Come si caccia il cinghiale

come-si-caccia-il-cinghiale-black-elk

La caccia al cinghiale in Italia è praticata sostanzialmente in due forme:

1. Caccia collettiva, che con lo girovagare e col rumore prodotto si indirizza i cinghiali verso le poste, dove possiamo trovare una decina di cacciatori (girata) fino a 30/40 cacciatori (braccata/battuta). Essenziale è l’utilizzo di cani con particolare indole nella ricerca del cinghiale.
2. Caccia individuale che può essere alla cerca (prevede la ricerca attiva della preda e bisogna muoversi il più silenziosamente possibile) o all’aspetto (prevede l’assegnazione ad una determinata zona di caccia in cui è presente un appostamento, fisso o temporaneo, usato per l’osservazione, la scelta è l’abbattimento dell’animale).

La caccia collettiva offre quasi sempre una possibilità di rimediare ad un errore di un singolo, quella individuale non consente sbagli.

Caccia al cinghiale in girata e in braccata

La caccia alla girata è svolta da piccole squadre di un numero limitato di cacciatori (massimo 10), è praticata nelle zone in cui è richiesto il rispetto della quiete ambientale, quindi a ridosso di zone urbane o protette.
Solitamente ci si affida al fiuto di un unico cane detto “lumiere” che ha il compito di trovare le tracce recenti dei cinghiali che dopo la pastura notturna hanno raggiunto le lestre e forzare i cinghiali verso le poste.
Quando non si ha a disposizione un cane ci sono 2 o 3 cacciatori con il compito di battitori, generalmente molto affiatati tra loro che conoscono perfettamente il territorio e i selvatici che lo abitano. Questa caccia ha una durata di poche ore e consente quindi di realizzare più interventi in diverse zone in una sola giornata.

La caccia al cinghiale in braccata è la forma di caccia al cinghiale attualmente più diffusa. Copre una porzione rilevante di territorio, comporta l’utilizzo contemporaneo di molti cani e anche le poste sono molto numerose.
Nelle grandi cacciate al cinghiale mitteleuropee si possono raggiungere facilmente i 100 partecipanti. La braccata inizia di buon mattino, ricercando i transiti notturni e i covi dei cinghiali. Individuati i branchi e le rispettive lestre, vengono organizzate le poste creando un accerchiamento degli animali e posizionando i cacciatori in maniera strategica, dopo di che si sciolgono i cani che devono trovare e alzare i cinghiali verso le poste.

Caccia al cinghiale in battuta

La caccia al cinghiale in battuta è il metodo di caccia per il quale i cinghiali vengono forzati verso le poste da un fronte costituito da soli battitori, prescindendo quindi dall’uso dei cani. Il numero dei battitori e la distanza fra ciascuno di essi dipende dalla superficie della zona da battere, dalla natura del terreno e dalla copertura vegetale che si incontrerà sul fronte di battuta. E’ il tipo di caccia praticata nei paesi dell’est.
Anche in questo caso il numero di cacciatori coinvolti è molto alto. La tecnica non è molto diversa da quella della braccata.

Caccia individuale

La caccia individuale è molto diffusa in tutta Europa, utilizzata nella maggior parte dei casi per il prelievo selettivo, da un’altana con l’uso di carabine di alta precisione dotate di canocchiale di mira che permette tiri sicuri ed efficaci. L’altana solitamente raggiunge i 3 o 4 metri d’altezza e viene costruita ai limiti del bosco. Il tiro effettuato da un’altana è da ritenersi più sicuro di altri, effettuandosi dall’alto verso i basso con un impatto rapido del proiettile contro il terreno.


La caccia al cinghiale deve la sua espansione a causa dell’esplosione demografica di questa specie, che causa danni ed inconvenienti all’agricoltura. La caccia a questo tipo di preda diffusissima e ampiamente cacciata è diventata una delle forme venatorie più emozionanti ed affascinanti.

Per ricevere consigli o informazioni ci trovi sulla nostra pagina Facebook oppure su Whatsapp al numero +39 3938623839.


2 replies on “Come si caccia il cinghiale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.