Prendiamoci cura dei nostri cani, attenzione ai forasacchi

i forasacchi

Il cane è il compagno più fedele di ogni cacciatore, proprio per questo è importante prendersene cura, soprattutto in questa stagione in cui le piante rilasciano foglie e spighe secche:  i fastidiosissimi forasacchi.
Forasacco, nome volgare per indicare una specie di graminacee, è una piccola spiga molto diffusa nei nostri campi. Totalmente innocua finché è verde, diventa pericolosissima quando si secca.
La spiga, infatti, possiede dei piccoli ma acuminati aghi che si attaccano al pelo del cane e piano piano penetrano nella pelle. In questi casi accorgersene in tempo è fondamentale, occorre, una volta rientrati a casa spazzolare il pelo del vostro cane con la massima cura. Se vedete un forasacco a livello epidermico, cercate con estrema delicatezza di eliminarlo. Fate molta attenzione , e procedete con movimenti lenti, perché si tratta di un’operazione molto dolorosa per il cane.

Ma il pericolo maggiore avviene quando la spiga è stata inalata dal cane, o addirittura è penetrata nelle orecchie, sotto le zampe,nei casi peggiori anche nelle vie respiratorie e negli occhi. In questi casi è molto difficile anche semplicemente individuare il forasacco, per questo occorre fare attenzione ai comportamenti dell’animale. 
Se notate che scuote continuamente la testa in modo diverso dal solito, è probabile che sia penetrato nelle orecchie, controllate, e se riuscite a vederlo ed estrarlo fate pure,  altrimenti ricorrete al veterinario con una certa urgenza. Stesso discorso vale per le vie respiratorie, se l’animale starnutisce compulsivamente, magari rilasciando anche qualche goccia di sangue, portatelo a controllo.
Al ritorno dalla battuta di caccia, guardategli anche le zampe e controllate minuziosamente che non ci sia attaccati forasacchi.

In generale la regola più importante per difendere il vostro fedele compagno è attenzione e controllo dopo ogni singolo rientro.

Ultimi Arrivi