Emergenza cinghiali in Calabria, le possibili soluzioni

emergenza cinghiali

Una vera e propria emergenza cinghiali si sta registrando per la gran parte della regione Calabria. Un gran numero di ungulati senza controllo che distruggono ettari di colture a discapito di tanti agricoltori.


La Coldiretti Calabria che segue da anni questa vicenda, ha indicato possibili provvedimenti per la risoluzione del problema, poichè il proliferare indisturbato degli animali mette a serio pericolo non solo le attività economiche del territorio, ma l’ecosistema creando squilibri difficilmente sanabili e anche l’incolumità delle persone, a causa dei numerosi incidenti stradali che si sono verificati.

“Dalla Regione si fa poco o nulla”- commenta Molinaro presidente di Coldiretti Calabria. C’è infatti scarsa volontà di iniziativa politica quando in realtà occorre un immediato e repentino intervento. Molinaro propone innanzitutto di fare un’efficace pianificazione faunistica-venatoria per i parchi e le aree protette e delimitare le zone non vocate, che negli ultimi anni si sono allargate in maniera spropositata.

Altra proposta è quella di abilitare gli agricoltori, che hanno la licenza di caccia, ad essere parte attiva nell’abbattimento degli ungulati.

Vi è infine la necessità di iniziare velocemente a liquidare chi ha subito ingenti danni e soprattutto a semplificare la procedura di richiesta di risarcimento, talmente complessa e farraginosa, che molti agricoltori hanno rinunciato a presentare la domanda.

Questa emergenza cinghiali in Calabria rappresenta un chiaro esempio dell’importanza della caccia e del ruolo del cacciatore, al contrario di tutto quello che ingiustamente affermano gli animalisti. In zone in cui la caccia è vietata la biodiversità è calata paurosamente.

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere aggiornato sul mondo della caccia

Loading

Nelle aree dove invece gli animali si gestiscono curando l’ambiente ed effettuando interventi di caccia mirati, la fauna selvatica è ricca di salute e sono ricomparse specie dapprima non più presenti.
Quindi per mantenere vario l’ecosistema è l’uomo che deve continure a gestirlo.

Ultimi Arrivi