Il centrodestra insorge contro Michela Vittoria Brambilla

brambilla
La scorsa settimana vi abbiamo riportato l’ultimo attacco frontale di Michela Vittoria Brambilla al mondo della caccia. La leader del Movimento Animalista ha espressamente dichiarato che: «I tempi sono maturi, aboliremo la caccia in Italia con un referendum convincendo anche quella parte di cittadini che in passato non aveva partecipato a questa grande battaglia di civiltà. La grande maggioranza degli italiani è contraria a questa pratica anacronistica e violenta».

Le risposte non si sono fatte attendere, non solo dai cacciatori, ma anche dalla stessa area politica dell’onorevole Brambilla.
 «Una cosa è rispettare e amare gli animali, un’altra è affossare e pensare di cancellare con un colpo di spugna una tradizione che esiste da sempre e che fa parte della storia e della cultura del nostro Paese. La caccia non va abolita ma sostenuta e regolamentata. Sono sicura che quella dell’onorevole Brambilla sia solo una provocazione e un corteggiamento elettorale a chi da sempre osteggia la caccia e i cacciatori!» ha dichiarato Viviana Beccalossi, assessore al Territorio della Regione Lombardia e dirigente di Fratelli d’Italia.
«L’abolizione della caccia andrebbe anche a danneggiare una parte importante del sistema economico produttivo del nostro Paese e che offende coloro che rispettano la natura molto più di tanti radical chic in pelliccia. Ma i cacciatori stiano tranquilli: né Michela Vittoria Brambilla né altri “talebani” di un animalismo integralista e opportunista riusciranno a eliminare la caccia».
Intanto si iniziano ad intravedere delle prime avvisaglie anche tra gli animalisti. Infatti è nato un nuovo gruppo, Alleanza per gli Animali, che a differenza del primo, sostiene il Partito Democratico e si scontrerà con il partito della Brambilla alle prossime elezioni.

Ultimi Arrivi

  • 45,00
    Scegli
  • 119,90
    Scegli
  • 112,90
    Scegli
  • 149,90
    Scegli