DPCM 3 Novembre – Posso andare a caccia?

Caccia-dpcm-coronavirus

Il nuovo decreto e la caccia

Il nuovo Dpcm Covid che entrerà in vigore da venerdì 6 novembre (fino al 3 dicembre) non esprime chiaramente delle limitazioni, ma è ovvio che anche la caccia sia una attività che deve sottostare alle norme previste per evitare la diffusione del coronavirus.Il DPCM a livello nazionale non consente gli spostamenti dalle 22 alle 5 del mattino quindi non sarà possibile uscire in questo arco temporale per recarsi all’appostamento o sul terreno di caccia. Come ben sappiamo però la caccia è un’attività che si svolge in luoghi aperti e favorisce il distanziamento sociale, quindi si ritiene che dalle ore 5.00 alle ore 22.00 sia consentito spostarsi per recarsi sul luogo di caccia.

In base però alla gravità della situazione nelle varie regioni è opportuno prendere visione e informarsi in merito alle singole Ordinanze Regionali.

L’Italia è stata divisa in tre fasce: gialla, arancione, rossa.

ZONA GIALLA: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Provincia autonoma di Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto.
In queste Regioni non ci sono particolari restrizioni nazionali ed è quindi consentito esercitare l’attività venatoria, rispettando gli orari di coprifuoco.

ZONA ARANCIONE: Puglia, Sicilia.
Non si può entrare o uscire dalla Regione e dal comune di appartenenza, quindi è consentita la caccia solo all’interno del proprio comune.

ZONA ROSSA: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta.
Sembrerebbe vietato esercitare l’attività venatoria. Consigliamo di informarsi se all’interno del proprio comune di residenza sia possibile praticarla.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.